img4.gif

Incidente Costa Europa a Sharm el Sheikh: 3 morti e 3 feriti

L'incidente sulla Costa Europa, come al solito, sta scatenando grossi dibattiti sulle cause o responsabilità. Eviteremo di entrare nel merito fino a quando non saranno acquisiti sufficienti elementi per poter effettuare una teoria valida. Le uniche cose sicure sono la tragica perdita di tre membri d'equipaggio, delle condizioni meteorologiche avverse e la fine non gloriosa del servizio della Costa Europa per Costa Crociere. L'incidente è avvento durante le manovre di attracco nel porto di Sharm el Sheikh. Un porto situato in un ambio golfo munito di una unica banchina. Un porto non certo disagevole, come ho potuto constatare di persona, ma comunque molto esposto ai venti. Dovrebbero essere proprio questi ad aver fatto urtare violentemente lo spigolo iniziale del molo. Ma come abbiamo già detto di questo ne parleremo a dati alla mano. La cosa triste è che purtroppo nell'impatto tre uomini dell'equipaggio, un brasiliano di 34 anni parrucchiere, un honduregno di 50 anni ed un indiano di 31, entrambi aiutanti di cucina, sono rimasti uccisi mentre dormivano, dalle lamiere squarciatesi per il forte impatto. Dei 1437 ospiti a bordo, 4 persone hanno avuto la necessità di essere trasportati in ospedale, si tratta di una passeggera inglese che è stata vittima di un dito schiacciato in una porta, e di un componente dell'equipaggio che ha riportato delle ferite alle gambe di lieve entità mentre fuggiva dalla zona riservata agli alloggi dell'equipaggio interessata dall'incidente. L'uomo è rientrato in nave, mentre la donna a raggiunto l'hotel dopo le cure in pronto soccorso. Un altro passeggero di nazionalità italiana, è invece stato ricoverato all'ospedale di Sharm el Sheikh, ma per ragioni non collegate all'incidente, ma per una gastroenterite di cui si era ammalato il giorno prima. Mentre un'altra passeggera britannica è stata colta da un attacco di ansia, anch'essa rientrata in hotel. La Costa Europa di 53.872 tonnellate di stazza in forza alla compagnia italiana dal 2002, stava effettuando una crociera di 18 giorni da Dubai a Savona, quando alle 4.45 circa ora locale ha urtato la banchina riportando una falla sulla fiancata destra di circa due metri, che ha causato l'imbarco d'acqua è la successiva incrinatura sul fianco destro. In soccorso della nave anche uomini e mezzi della Marina Militare inseriti nel contingente italiano MFO (Multinational Force and Observer), operazioni che riguardano, come riferisce lo Stato maggiore della Difesa, l'impiego di attrezzature e pompe di esaurimento sommerse per limitare l'ingresso dell'acqua all'interno dello scafo mentre si provvederà alle riparazioni di emergenza. Tutti i passeggeri sono stati evacuati e trasferiti negli hotel, la maggioranza al villaggio alberghiero Domina Coral Bay. Negli hotel rimarranno il tempo necessario all'organizzazione dei voli di rientro a casa. Il Presidente e Amministratore delegato di Costa Crociere Pierluigi Foschi, ha espresso la “nostra commossa partecipazione all’immenso dolore dei familiari dei tre colleghi membri dell’equipaggio che hanno perso la vita nel tragico incidente. Pur devastato dal dolore, mi preme precisare che per i passeggeri e gli altri membri dell’equipaggio non vi è mai stata alcuna situazione di pericolo”. Da parte nostra, le più sincere e sentite condoglianze a familiari e amici delle vittime.

 

  © 2004-2012 Le Signore dei Mari.it
Tutti i diritti sono risevati. E proibita qualsiasi tipo di riproduzione.
 ©  Ruben De Pascale

redazione@lesignoredeimari.it

Contatore per sito